Thursday Feb 03, 2022

5 fatti storici sulla battaglia di Puebla

La battaglia di Puebla, svoltasi il 5 maggio 1862, è uno degli eventi storici più importanti del Messico.

Nella storia del Messico ci sono state diverse battaglie e guerre che hanno contribuito alla formazione del paese nordamericano come lo conosciamo, tra queste possiamo menzionare la guerra d’indipendenza, la rivoluzione messicana, la guerra di riforma e molte altre, ma la battaglia di Puebla ha trasceso i confini del suo paese vicino, gli Stati Uniti, diventando una festa nel paese anglosassone.

Gli stranieri hanno l’errata convinzione che la Battaglia di Puebla commemori l’Indipendenza del Messico e pochi conoscono la sua importanza storica, per questo condividiamo con te cinque fatti che forse non conoscevi su questo evento.

Circa 6 ore di combattimento

Secondo gli storici, la Battaglia di Puebla iniziò il 5 maggio 1862, verso mezzogiorno. Finì verso le 5 del pomeriggio.

Patriottismo >Ideologia politica

Il generale conservatore Miguel Negrete mise da parte la sua ideologia per unirsi alle forze di Ignacio Zaragoza. Si dice che, interrogato su questa decisione, il soldato disse: “Ho una patria prima di un partito.”

Discorsi motivazionali

Il generale Ignacio Zaragoza, comandante dell’Armata dell’Est, fece un discorso la mattina del 5 maggio 1862 e per incoraggiare le truppe prima della battaglia pronunciò questa frase: “I nostri nemici sono i primi soldati del mondo, ma voi siete i primi figli del Messico. Soldati: leggo sulle vostre fronti la vittoria”. Alcuni storici ritengono che in quella frase finale non augurò la vittoria, ma disse piuttosto “e vogliono portarvi via il vostro paese?

Il contrattacco

L’esercito messicano vinse questa battaglia, tuttavia, i francesi chiesero rinforzi a Napoleone III e fecero un contrattacco di successo, che alla fine portò alla creazione del Secondo Impero Messicano, segnato dall’arrivo dell’imperatore Massimiliano d’Asburgo nel 1864. I francesi non lasciarono il territorio messicano fino al 1867.

Fuga presidenziale

Benito Juárez, il presidente di allora, dovette stabilire il governo messicano a nord del paese, nella città di Paso del Norte, a causa del secondo intervento francese. Paso del Norte divenne Ciudad Juárez per decreto di Porfirio Díaz, sette volte presidente del Messico, in onore di Benito Juárez.

Il 5 maggio è un giorno festivo negli Stati Uniti, ma se vuoi vivere il Messico, devi viverlo come fanno i messicani in queste fotografie:

Ti potrebbe interessare: Il ‘Batman’ del Messico, in soccorso dei pipistrelli e della tequila

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top