Thursday Feb 03, 2022

Paura dell’anestesia chirurgica? Ecco cosa dovresti sapere.

Un numero sorprendente di persone ha paura dell’anestesia. L’idea di “andare sotto” o di essere “messi a dormire” può suscitare una certa ansia nella maggior parte di noi. Tuttavia, questa paura è completamente irrazionale? O c’è davvero qualcosa di cui preoccuparsi?

Due paure comuni che i pazienti citano sull’anestesia sono: 1) non svegliarsi o 2) non essere messi “completamente a dormire” ed essere svegli ma paralizzati durante la procedura.

Prima di tutto, entrambi i casi sono estremamente, estremamente rari. Infatti, la probabilità che qualcuno muoia sotto anestesia è meno di 1 su 100.000. Questo equivale allo 0,0001% di probabilità. Per mettere questo in prospettiva, hai il doppio delle probabilità di essere fuori per una passeggiata e colpito e ucciso da una macchina (inquietante, lo sappiamo). Allo stesso modo, negli Stati Uniti, si ha quasi il doppio delle probabilità di morire in un tornado.

Queste statistiche non vogliono essere un’esagerazione. Vogliono sottolineare quanto siano rare le complicazioni gravi dell’anestesia generale. In questo post condivideremo i fatti che circondano l’anestesia per rimuovere, si spera, alcune delle “incognite”. Forniremo anche informazioni mediche sui diversi tipi di anestesia, e abbasseremo il vostro (già basso) rischio di complicazioni durante l’intervento chirurgico.

Primo, sfatiamo la paura dell’anestesia

Come abbiamo illustrato sopra, la probabilità di complicazioni gravi e morte dall’anestesia è molto, molto, MOLTO bassa. Una morte inspiegabile per anestesia generale è estremamente rara. Nei casi in cui un paziente muore durante l’operazione, è quasi sempre a causa di fattori medici confondenti (diverse cose in gioco che hanno creato una “tempesta perfetta”).

Per quanto riguarda la circostanza di “essere svegli” durante l’operazione, anche questa è estremamente rara. Nella maggior parte di questi casi, il paziente si sente come se avesse un vago ricordo dell’intervento (chiamato “consapevolezza intraoperatoria”). Di solito, questi casi sono il risultato di pazienti che non ricevono abbastanza anestesia a causa di una condizione medica sottostante o di un’emergenza (ad esempio, un’emergenza, un intervento traumatologico in cui potrebbe non esserci abbastanza tempo per somministrare correttamente l’anestesia).

Spaventato dalla chirurgia? Impara come superare l’ansia e la paura pre-intervento con la mediazione mindfulness.

Non tutta l’anestesia è creata uguale: 3 diversi tipi di anestesia

Potresti aver sentito parlare di diversi tipi di anestesia, ma potresti chiederti “qual è la vera differenza? Fondamentalmente, ci sono 3 diversi tipi di anestesia: locale, regionale e generale. Generale è il tipo di anestesia a cui pensiamo di più durante un intervento chirurgico in cui il paziente è completamente addormentato. Locale e regionale sono i due che sono spesso confusi l’uno con l’altro.

Ecco i diversi tipi di anestesia:

  • Locale-Nutre solo la zona trattata. L’anestetico locale è la forma più “blanda” di anestesia usata solo per intorpidire la zona. Pensate: una crema anestetizzante o un’iniezione. Questo tipo di anestetico non verrebbe usato per un grande intervento chirurgico, ma può essere usato per intorpidire la zona mentre viene somministrato un blocco spinale. Con questo tipo di anestesia, sei completamente sveglio e cosciente.

  • Regionale-Blocca i nervi in un’area specifica (regione) per bloccare qualsiasi dolore. Questo metodo non influenza il cervello o la respirazione. Con questo metodo sei cosciente ma di solito ti vengono dati dei sedativi per addormentarti. Questo tipo di anestesia è come una “via di mezzo” tra quella locale e quella generale, e può essere usata per alcuni tipi di chirurgia più seri come la chirurgia di sostituzione dell’anca o del ginocchio.

  • Generale – Si somministra un farmaco e si è completamente incoscienti. Questo tipo di anestesia viene data per interventi più lunghi e seri. Questo è il tipo di anestesia “catch-all” spesso indicato come “andare sotto”. Con questo tipo, viene somministrato un tubo di respirazione per aiutare la respirazione.

Scopri di più sui pro e i contro dei 3 diversi tipi di anestesia per la chirurgia elettiva (come la sostituzione dell’anca e del ginocchio).

Anestesia + Rischio

Come ogni cosa legata alla medicina, cose come la tua storia, la salute generale, e altri fattori di stile di vita (come il consumo di alcol) possono renderti più (o meno) a rischio durante l’operazione. Ecco alcuni fattori di rischio noti per i pazienti sottoposti ad anestesia:

  • Una storia di convulsioni

  • Alcolismo o uso/abuso di droga

  • Precedenti reazioni negative all anestesia

  • Fumo di sigarette

  • Pressione sanguigna anormale

  • Assunzione di farmaci che aumentano il sanguinamento (es.

  • Allergie (in particolare quelle a certi farmaci)

  • Diabete

  • Peso eccessivo/obesità

Se lei ha uno di questi fattori di rischio aggiunti il suo team di cura lavorerà con lei. In alcuni casi, questo può significare optare per un’anestesia regionale invece che generale. Se c’è un tempo più lungo prima di un intervento chirurgico elettivo (come la sostituzione di un’articolazione, un intervento alla schiena, un intervento al legamento crociato anteriore, ecc.), impegnarsi in un programma PreHab prima dell’intervento ridurrà il rischio del giorno dell’intervento quando si tratta di anestesia e oltre. Continuate a leggere mentre condividiamo come esattamente potete abbassare il vostro rischio chirurgico.

Che cos’è PreHab prima dell’intervento? PreHab è tutto ciò che si fa attivamente prima dell’intervento per prepararsi. PreHab include l’esercizio fisico, la preparazione mentale, il miglioramento della nutrizione, la preparazione dell’ambiente di recupero, e così via. Ogni intervento chirurgico è accompagnato da attività, lezioni e consigli unici per preparare al meglio il paziente all’intervento. PreHab mira a ridurre il rischio del giorno dell’intervento, abbassare i tassi di complicazione e preparare il paziente a un recupero più rapido e sicuro. Per saperne di più su PreHab prima della sostituzione delle articolazioni, della schiena o della chirurgia ACL.

Come ridurre il rischio del giorno dell’intervento

Ancora una volta, dovremmo ricordarvi che l’anestesia è incredibilmente a basso rischio. Per mettere ulteriormente in prospettiva il vostro livello di rischio, avete la stessa possibilità di morire a causa di un fulmine.

Nonostante la maggior parte degli interventi elettivi e l’anestesia siano a basso rischio, dovreste sempre lavorare per essere il più preparati possibile il giorno dell’intervento. Per la chirurgia ortopedica, questo significa impegnarsi in un programma di PreHab che vi preparerà fisicamente, mentalmente e ambientalmente per l’intervento e il recupero a casa.

Fate il vostro PreHab!

A prescindere dal fatto che il vostro medico vi organizzi o meno un programma PreHab, fare PreHab nelle settimane precedenti l’intervento è la cosa migliore che potete fare per abbassare il rischio del giorno dell’intervento. Un programma PreHab dovrebbe essere personalizzato in base all’intervento chirurgico a cui si sta sottoponendo, così come al suo caso individuale.

Per esempio, fuma? È in sovrappeso? Sei fisicamente abbastanza forte da sostenerti mentre ti riprendi a casa? Un programma PreHab quotidiano dovrebbe lavorare per abbassare qualsiasi fattore di rischio che hai, aiutandoti a prendere un “time-out” per il fumo, incoraggiandoti a perdere peso extra, e mirando a gruppi muscolari chiave e movimenti necessari per un recupero sicuro e veloce.

Un buon programma PreHab prima dell’intervento dovrebbe:

  • Forzare il tuo corpo in modo che possa sostenere il recupero

  • Migliorare la tua alimentazione con un focus su cibi e vitamine che favoriscono la guarigione

  • Ridurre il nervosismo pre-operatorio, stress e ansia

  • Aiuta a preparare la tua casa per il recupero

  • Aiuta a gestire il dolore pre- e post-operatorio

Ti stai preparando per un intervento ortopedico? Scopri di più su PreHab e un programma ReHab di follow-up progettato per il tuo intervento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top